Psicologo low cost: i servizi del Centro di Ascolto Psicologico

Psicologo low cost: ovvero come provare ad abbattere i costi della cura del disagio psicologico, allargare la fascia dei possibili fruitori di una psicoterapia e mantenere alta la qualità del servizio.
psicologo low cost
Il Centro di Ascolto Psicologico (CAP) è un servizio della Libera Accademia di Roma e dell’Università Popolare dello Sport.
È un’iniziativa sociale che propone un servizio di consulenza psicologica e psicoterapia cercando di contenere le spese che le persone dovrebbero sostenere per affrontare percorsi di sostegno e di cura in ambito psicologico.

Il CAP offre gratuitamente 2 incontri di consulenza psicologica al fine di offrire alla persona che ne fa richiesta un quadro della situazione di difficoltà e di disagio presenti. Successivamente il CAP ha studiato una formula “psicologo low cost”

Infatti, dove necessario il CAP mette a disposizione:

  • un servizio di orientamento su strutture pubbliche o private presenti sul territorio
  • psicologo low cost: dopo due incontri gratuiti si può usufruire di un servizio di psicoterapia o di consulenza psicologica a costi sociali (30 euro a seduta) individuale, di coppia e familiare.

psicologo low cost

Il Centro di Ascolto Psicologico è anche, per vocazione, un contesto che progetta, promuove e realizza attività formativa rivolte alla diffusione di una corretta cultura di base psicologica e in grado di favorire processi di miglioramento e crescita personale.
Sono tre le tipologie di attività formative che il Centro di Ascolto Psicologico organizza:
1. formazione e informazione di base rivolta a tutti e inerenti a tematiche riguardanti empowerment, la crescita personale e l’automiglioramento. I contenuti di questa tipologia di attività vanno dall’autostima all’assertività, dalla gestione delle emozioni alla comunicazione interpersonale;
2. formazione per operatori nel campo delle relazione di aiuto, con attività i cui contenuti vanno dalla gestione di un Centro di Ascolto agli aspetti comunicativi nella relazione di aiuto;
3. supporto per l’auto aiuto (self help) al fine di promuovere processi personali di auto sostegno in situazioni di disagio.